ENTeR mappa gli scarti industriali del Settore Tessile con Sistema Moda Italia – Federazione Tessile e Moda

Tecnologia e controlli

Non esiste una soluzione unica per la gestione dei rifiuti, ma certamente esiste la necessità di disporre una visione sistemica consapevole e una conoscenza delle possibili alternative per individuare la soluzione ottimale dal punto di vista ambientale e gestionale. Con la piattaforma M3P, il progetto ENTeR “Cambia il Finale” degli scarti tessili industriali rendendoli visibili a un vasto pubblico di operatori, e facilitando l’incontro tra domanda e offerta al fine di dare un contributo reale all’implementazione della economia circolare.

Con ENTeR si “Cambia il Finale” degli scarti tessili industriali. ENTeR sta facilitando e sostenendo il riciclo e il riutilizzo degli scarti tessili, allo scopo di salvaguardare le materie prime e prevenire il consumo di risorse non rinnovabili.

Tale obiettivo verrà raggiunto entro la fine del progetto e, in questa fase, grazie a SMI – Sistema Moda Italia – Federazione Tessile e Moda, ENTeR sta mappando gli scarti tessili industriali delle aziende associate.

L’indagine, fondante la mappatura degli scarti, si è focalizzata sui residui di produzione (scarti pre-consumo) derivanti da tutte le tipologie d’imprese (pettinatura, filatura, tessitura, nobilitazione, confezionamento). Il progetto ENTeR ha ben presente che ogni scelta relativa alle soluzioni da adottare per la gestione dei rifiuti deve basarsi sulla conoscenza del contesto di riferimento (ad es. quantità della produzione e quantità di scarti prodotti in un ciclo industriale) e sugli obiettivi che si intendono raggiungere. Principalmente, i rifiuti, per potersi trasformare pienamente in risorsa economica e ambientale, hanno bisogno di essere al centro di un cambiamento di visione: nelle politiche, nei comportamenti, nei processi di produzione.

In tale contesto, analizzare i dati raccolti permetterà al progetto ENTeR di:

  • analizzare e proporre soluzioni industrialmente fattibili per il riuso e riciclo degli scarti tessili di produzione. Gli scarti, se opportunamente trasformati, possono essere pensati come materie prime utili anche per altri settori industriali;
  • intraprendere opportune azioni di lobby in tema di Economia Circolare sia a livello nazionale che europeo al fine di ottenere una legislazione operativamente più agevole per le aziende del settore.

Pertanto, attraverso l’indagine effettuata insieme a SMI, per mezzo della piattaforma M3P – in grado di favorire lo scambio di materiali tra realtà diverse – e la creazione di un centro tessile virtuale (Virtual Center), si riuscirà a cambiare e migliorare la gestione degli scarti/rifiuti industriali.

Gli scarti di produzione, derivanti dalle industrie tessili, possono essere un’importante risorsa che non deve essere sprecata. Se si “Cambia il Finale” allo scarto, rendendolo visibile a un vasto pubblico di operatori e facilitando l’incontro tra domanda e offerta, si fornisce un contributo reale all’implementazione di un’economia circolare.

 

Per maggiori informazioni, gli interessati possono visitare il sito di progetto (www.interreg-central.eu/enter/) oppure contattare:

  • Roberto Vannucci, Area Ricerca e Innovazione Multisettoriale,

roberto.vannucci@centrocot.it, +39 0331 696778

  • Donatella Macchia, Area Ricerca e Innovazione Multisettoriale,

donatella.macchia@centrocot.it, +39 0331 696719

Autore: Donatella Macchia

Area Ricerca e Innovazione Multisettoriale